Andrea Petrillo

Bio

Andrea Petrillo. Vita regolare, infanzia felice. Trascorre la pubertà e l'adolescenza in uno stato di sonno. All'età di 20 anni la scoperta della pittura e gli studi di Lettere e Filosofia presso l'Università La Sapienza di Roma. Consegue la laurea in Antropologia Culturale, qualche anno dopo il diploma della Scuola di Specializzazione in beni DEA.

Poche le personali al suo attivo, come fosse l'arte una privata scrittura, più visibilità pubblica ai paralleli lavori installativi e audiovisivi. Il tema: la memoria.

Quella della Shoah e l'altra più privata delle origini familiari. Entrambe, non senza irruzione dell'una nell'altra, tese alla ricerca erratica di un identità, che è geografia di un naufragio, spettro della luce livida e mutevole delle paludi pontine, del Tirreno.

<<Dovremmo interrogarci sul perché continuiamo a vedere e produrre quadri, immagini, sequenze di immagini, a raccogliere, assemblare, manipolare gli oggetti e le parole. Lo spazio è saturo di materia e suono... 

Nel pensiero c'è sempre una parete da occupare, una stanza da abitare. Il vuoto non è nudità. Riempiamo il tempo che ci resta per essere nudi. Una voce proviene da regioni remote, ci intima di andare, di scendere, di lasciare una traccia di luce, una linea enigmatica che segni il nostro arrivo, la nostra partenza>> 

----

Sono il mio presente.

La fotografia oltre a fermare il qualcosa in un tempo.

Fa in modo di rendere presenza.

Di farmi essere presente in quel momento.

La fotografia è un'azione. Un compiere un atto.

Quello che si scatta non è parte di un progetto.

È un modo di essere presenti nello spazio e nel tempo.

16GG
31D
0326