Carlo de Meo

carloDemeo_flaviafiengofoto-12.jpg

Bio

Carlo De Meo (Maranola, LT – 1966) si infiltra e mimetizza all’interno degli spazi per raccontare

storie in cui la memoria, la corporeità, l’esperienza del quotidiano e il ribaltamento inventivo

degli oggetti presuppongono uno svolgimento continuo che dall’esterno scivola verso l’interno,

orientando le azioni del vivere.

Ha esposto in numerosi spazi espositivi in Italia e all’estero tra i quali: Fondazione Volume, Roma

- Mart, Rovereto - Fondazione Sandretto, Torino - Fondazione IDIS, Napoli - CIAC, Genazzano -

Triennale Design Museum, Milano - MACRO, Roma - Cittadella della cultura, Bari - Palazzo della

Permanente, Milano - Museo Carandente, Spoleto - Gall. Nazionale di palazzo Spinola, Genova -

Fondazione Pistoletto, Biella - Bad Museum, Casandrino - Museo Laboratorio, Città di Castello -

Fondazione Blickle, Kraichtal, Germania - Kunstverein, Augsburg, Germania - Kun- sthalle,

Goppingen, Germania - Die Galerie, Frankfurt, Germania - Museo Benaki, Atene, Grecia - Neue

Galerie, Graz, Austria - Dune Studios, New York, USA - Parlamento Europeo, Bruxelles, Belgio -

Ambasciata italiana, Jerevan, Armenia - ed è stato attivo promotore culturale attraverso la

fondazione di riviste d’arte contemporanea quali APPARECCHIO (1994-96) e ARIA (2011-14).

Maledetta Primavera

Maledetta Primavera.jpg

…ovvero, una tempera su carta regalo del sei aprile duemila e venti.

 

carlodemeo

Tecnica

Tempera su carta regalo

 

33,5 x 48,5 cm.

6 - 04 - 2020.