ARTISTI

Gli artisti coinvolti hanno ripensato questo momento attraverso la loro arte.

Hanno condiviso le loro opere che rispecchiano maggiormente emozioni, sensazioni e pensieri provati in questa ultima porzione di vita dominata dal coronavirus.

Non si è trattato di creare necessariamente qualcosa ex-novo per l’occasione ma di attraversare il momento, coglierlo anche tramite opere realizzate tempo fa. Questa richiesta ha avuto un doppio scopo e valore sociale: il primo sta nel fatto che ragionare in tempo reale su ciò che ci accade, soprattutto quando si impone così prepotentemente creando un taglio netto con tutto quello che c’era prima nella nostra quotidianità, è difficile quanto assolutamente necessario. Bisogna porre le basi per affrontare e costruire il futuro con maggiore consapevolezza (e speranza). Ma il valore più forte e immediato è, e deve essere, quello di devolvere queste opere per beneficenza.